No alla speculazione sullo sport!

427499_331655846921750_1733988814_nNoi siamo tra quelli che si riappropriano degli spazi abbandonati della nostra città, li trasformano in luoghi sociali dove fare sport, cultura e aggregazione. Occupiamo le moltissime case abbandonate, così da cercare di combattere un’emergenza abitativa che troppe persone in questa città vivono sulla propria pelle, mentre si continuano a costruire mostri di cemento e si tengono sfitte case e appartamenti. Non ci stupiamo di questa contraddizione, è essa stessa figlia di una speculazione mostruosa e infinita, volta unicamente all’arricchimento di palazzinari, politici e padroni. Molti di noi praticano lo sport popolare e lo fanno senza interessi, fuori dalle logiche economiche e di mercato.

All’interno dell’ex cinodromo della capitale ogni giorno ci riappropriamo di tutto quello che ci hanno tolto. Siamo contrari al machismo, alla violenza fine a sé stessa, alla sopraffazione e alla visione dello sport inteso unicamente come intrattenimento e strumento per apparire. Crediamo invece in uno sport praticabile da tutte e tutti, e ci esaltiamo per le nostre differenze, prove inconfutabili della nostra forza.

Il governo Renzi ha candidato l’Italia intera alle Olimpiadi del 2024. Notizia meravigliosa, se non fosse che oramai da tempo i grandi eventi sportivi sono solo uno strumento per saccheggiare e devastare sia le casse degli stati che i quartieri dove abitiamo. Il default in Grecia è cominciato proprio dopo le olimpiadi del 2004. In Brasile, prima e durante l’ ultimo mondiale di calcio, migliaia di persone sono scese in piazza, e di certo non perché non amano il calcio ma per denunciare al mondo il vero volto di una nazione colpita dalla crisi, dalla violenza, dalla povertà, mentre grossi finanziatori internazionali provavano, e faticavano, a raccontare un paese accogliente e all’avanguardia.

Stessa sorte è capitata a paesi ben più ricchi e meno corrotti del Brasile, come l’Inghilterra. Qui, nel 2012, hanno distrutto interi quartieri, devastato l’ambiente e impoverito il paese. Da noi sono cose di tutti i giorni: dalle Olimpiadi del 1960 ai mondiali di nuoto del 2009 passando per i mondiali di calcio di Italia ’90, non c’è stato evento sportivo che si salvasse da questo tsunami speculativo. Basta guardare un po’ più attentamente e ci si accorge che l’università Roma Tre ha avuto appalti a costi ridicoli, che le piscine per i mondiali che dovevano essere pronte per il 2009 sono ancora lontane dall’essere dichiarate agibili e che alcune strutture costruite per i mondiali del 1990 e abbandonate per lungo tempo sono state rese utili solo negli ultimi anni.

Non stiamo parlando di altri mondi, ma di Montagnola, di Ostia e di via della Vasca Navale. Stiamo parlando di casa nostra. Tutto questo non è sport e nulla ha a che fare con esso: lo sport è una pratica che dovrebbe essere massima espressione popolare di libertà, luogo dove la competizione ha il solo scopo di dimostrare chi è il migliore secondo ben precisi canoni di merito. Il loro non è sport, è neo-liberismo applicato alle nostre vite, sono i loro profitti sulla nostra pelle.

Ora ci chiediamo, se l’Italia dovesse vincere la candidatura, cosa succederebbe in questo paese, dove “grande opera” è sinonimo di devastazione ambientale e truffa ai danni dello stato, dove l’Expo è diventata una grande abbuffata, nel paese di “mafia capitale”, in cui metà del debito pubblico è stato causato proprio dal meccanismo corrotto di assegnazione degli appalti per le grandi opere negli ultimi cinquant’anni? Non ci stupisce che questa “brillante” idea provenga proprio dal governo Renzi, espressione di interessi imprenditoriale e lobbisti e promotore di manovre di impoverimento e precarizzazione come il Jobs Act. Ignazio Marino dice: “…con le olimpiadi disegneremo la città dei nostri figli”. Per una volta siamo d’accordo con il sindaco di Roma, peccato che quella che stanno disegnando non è una città ma un cimitero, dove, se non li fermiamo, ci seppelliranno tra precarietà, sfruttamento e devastazione.

La nostra passione sarà più forte della loro speculazione!

Polisportiva AllReds

Posted in General | Leave a comment

18-10 evento a sotegno de LaPopolare

image(1)

“La Popolare” e “All Reds” sono lieti di invitarvi ad un evento imperdibile: serata danzante a sostegno dei progetti di sport popolare del L.O.A Acrobax.

Sabato 18 ottobre 2014: ” divertimento minimo garantito! per tutt* ”
A farvi ballare, cantare, saltare, abbracciare, sgolare: la Rotas!
La Romatrash Allstarz, crew di digei militanti, impegnati nella missione di far capire al mondo intero quanto le produzioni musicali degli ultimi cinquanta anni abbiano influenzato e gravato sulle nostre vite.
Culturalmente, socialmente, politicamente, artisticamente…
Il peso delle etichette discografiche ci impone di ascoltare anche l’inascoltabile. Contenti.

Trash vuol dire rifiuto, non rinunciare al divertimento.
Rotas. e sai cosa balli..
“nella metropoli o sul quadrato, mai un passo indietro!”

Posted in General | Leave a comment

image

Posted in General | Leave a comment

Sabato 4 ottobre @ LOA ACROBAX

per il blogI labortatori dell’ Acrobax aprono le porte ed invitano tutti e tutte ad una giornata di incontri,scambi, sport e concerti!

Dalle ore 15 :
* MINI RUGBY il rugby per i bimbi e le bimbe seguito ed organizzato da ALL REDS RUGBY ROMA

* TORNEO DI BASKET 3 Vs 3 con gli ALL REDS BASKET

* GUERRILLA GARDERING spargiamo un po’ di verde e colore con i GIARDINIERI SOVVERSIVI

Ore 16 :
* Presentazione Scuola di Musica Renoize + Jam Session Live

Ore 17 :
* Lezioni aperte con la palestra LA POPOLARE

Ore 18:
* Dj Set e Microfono aperto con le rime di RAPNOIZE ed il Laboratorio Hip Hop METICCIO STAY REAL
Dalle 18.30 si accendono i fuochi per gli Arrosticini!!!!

Dalle 19 LABORATORIO APERTO PERCUSSIONI

Dalle 22
* DANCEHALL REGGAE CON RADIO TORRE SOUND SYSTEM + **** DAWN PENN ****

– Durante tutto il giorno Mostre a cura ACROBAXEXPO, stampa libera su maglia/felpa con la SERIGRAFIA AKROBATICA, banchetto informativo TERRA RIVOLTA
IN FUNZIONE TRATTORIA PIZZERIA ED ENOTECA

Posted in General | Leave a comment

 

I corsi ripartiranno lunedì 22 settembre con i seguenti orarisito

Posted in General | Leave a comment

20 giugno – DO YOUR PARTY! Do Your Thang a sostegno de La Popolare

doyour_

Ultimo appuntamento della stagione organizzato dal Do Your Thang in collaborazione con Acrobax a sostegno della palestra La Popolare!

In quest’ultima stagione abbiamo raccolto molto di quello che abbiamo seminato e lo dobbiamo a tutti coloro che hanno mostrato interesse al progetto, comprando i dischi e sputando fomento da sotto il palco. Ringrazieremo adeguatamente tutti per il calore ricevuto in questi mesi, restituendolo sul palco con tutta la nostra energia venerdì 20 giugno all’Acrobax.

Al cui collettivo va una particolare dedica per la promozione di una realtà che permette agli artisti di esprimersi e di farlo liberamente, per aver donato al quartiere spazi sociali indispensabili per i ragazzi e per aver creduto in noi sin dal giorno uno.

DO YOUR THANG!

stay free

– Venerdì 20 giugno presso LOA Acrobax (http://acrobax.org/)

– Via della Vasca navale, 6 [ponte Marconi]

– entrata: 3 euro

– bar a prezzi popolari


Apertura: 21:30

Open mic\ Free Jam : 22:00

Do Your Thang Show : 23:00

A seguire dancehall selecta by 1UP SOUND

★ DO YOUR THANG ★

https://www.facebook.com/doyourthangworld

www.doyourthang.bandcamp.com

composta da :

▶JUSTACASE (https://www.facebook.com/pages/JustaCase/120524114680746)
▶RUBBER SOUL (https://soundcloud.com/r-a-s-1)
▶ DOC X BROWN (https://www.facebook.com/GrinderStudio)
▶PORMONI D’ACCIAIO (https://www.facebook.com/pages/Pormoni-DAcciaio/159630537414724)
▶ PORNO PRIDE PISANA CREW (https://www.facebook.com/pppcpacman)
▶1UP SOUND (https://www.facebook.com/1UPSound)
▶CDG LA COMUNE (https://www.facebook.com/LaComuneCdg)
▶WILLIAM PASCAL (http://www.youtube.com/channel/UCKW_LKYSAo8WN1YMGhxQzlw)

Posted in General, Iniziative, Notizie | Leave a comment

Antifascisti sempre!

 

Come atleti intendiamo riportare la nostra chiave di lettura su un fatto di rilevanza tanto sportiva, quanto valoriale, sociale e politica. Riteniamo infatti essere l’etica il fondamento principale su cui costruire la formazione sportiva che dovrebbe costantemente ispirare l’atleta sia sul ring che per strada.

Nella vita o sul campo i suoi valori sono quelli dell’eguaglianza, dell’antirazzismo e antisessismo. É per questo che chi si dichiara apertamente fascista e professa una cultura dell’odio del prossimo e del diverso, non può avere accesso ai luoghi dello sport popolare. Il campo da gioco, come il ring, non rende neutri personaggi che sono tutt’altro che tali, idea che un’insopportabile retorica ha voluto far passare in questi giorni. Si tratta piuttosto di un valido scudo, che questa visione (forse) inconsapevolmente foraggia, e che permette a precisi soggetti di agire e inquinare i contesti sportivi, mascherando la propria natura in virtù di una presunta sacralità momentanea della competizione sportiva, che purifica ogni male.

Noi invece non possiamo dimenticare né perdonare, neanche per un momento. Tantomeno a casa nostra, ed in una giornata quale quella del 23 Marzo scorso, vigilia del 70esimo anniversario dell’eccidio delle Fosse Ardeatine. Vogliamo denunciare l’insopportabile paradosso della presenza di militanti neofascisti sui campi da gioco, e chiediamo agli sportivi tutti e alla società civile di prendere parola e condannare chi provoca e offende invece di rispettare e tollerare.

La Popolare Palestra Indipendente

banner

 COMUNICATO DI ACROBAX

http://acrobax.org/2014/03/antifascisti-sempre/

Posted in General | Leave a comment

Liber* tutt* !

I movimenti sociali rispondono in piazza agli arresti avvenuti a Roma e a Napoli questa mattina.
 
 Questa mattina, a Roma, alle prime luci dell’alba decine di agenti si sono presentati sotto diverse occupazioni abitative per prelevare 17 attivisti a cui hanno notificato 7 arresti domiciliari e 10 obblighi di firma per aver partecipato alle giornate di lotta contro l’austerity e la precarietà dell’autunno scorso. In particolare ai 17 attivisti viene contestata la partecipazione alla manifestazione del 31 ottobre, con capi di imputazione che vanno dall’adunata sediziosa alla resistenza pluriaggravata e perfino alla rapina. Si è trattato di un momento di grande partecipazione popolare che, in continuità con l’assedio di Porta Pia del 19 ottobre, voleva raggiungere la Conferenza Stato-Regioni che discuteva di politiche abitative. In particolare lo stesso ministro Lupi aveva rimandato al 31 ottobre la decisione sul blocco generalizzato degli sfratti e sulle necessità di politiche abitative pubbliche poste dai movimenti nell’incontro avvenuto al ministero delle Infrastrutture, riassumibili nello slogan “una sola grande opera: casa e reddito per tutti/e”. L’assedio del 31 ottobre sotto a Palazzo Chigi ha ottenuto l’autorizzazione a spostarsi sotto la sede della Conferenza ma è poi stato arbitrariamente fermato e caricato a via del Tritone. Quei momenti di tensione, che hanno visto i manifestanti tutti a volto scoperto rivendicare i propri diritti,  sono stati tradotti in un impianto accusatorio tutto politico finalizzato a criminalizzare anche preventivamente le prossime iniziative di lotta, a partire dal corteo di sabato prossimo contro il CIE di Ponte Galeria.
È chiaro che l’assenza di risposte sul piano politico e istituzionale relega le lotte ad una questione di ordine pubblico : dalle manganellate ai facchini della logistica agli arresti di oggi dei disoccupati di Napoli.
Rilanciamo da oggi l’assedio in tutte le città verso una primavera di conflitto lanciata il 9 febbraio all’assemblea nazionale. Chiediamo l’immediata liberazione di tutti e tutte, facendo sentire la nostra rabbia sotto le prefetture e le piazze di tutte le città di Italia.
La Roma delle lotte sociali chiama tutta la città ad esprimere la solidarietà e il dissenso
APPUNTAMENTO questo pomeriggio alle 15 e 30 ad una conferenza stampa e a Porta Pia e preparandosi a muoversi in corteo verso via del Tritone dove, il 31 ottobre, la polizia tentò di sbarrare la strada al movimento.
DALLA VALLE ALLA METROPOLI LE LOTTE NON SI ARRESTANO!
TUTTE LIBERI TUTTI LIBERI #LIBERTA’ DI MOVIMENTO
#31O C’ERAVAMO TUTT*
Posted in General | Leave a comment

Nuovo corso di Tango!

A partire da martedi 24 ogni Martedi (per principianti assoluti) e Giovedi(con almeno un anno di esperienza)  dalle 22:00 alle 23:15

per maggiori info marcog78@hotmail.it

Posted in General | Leave a comment

Lo stato ci vuole vittime, noi invece siamo in prima linea

Nasce alla Popolare – palestra indipendente un nuovo corso di Autodifesa Femminile, incollaborazione con AKU TEAM.
Il metodo difensivo proposto dall’AKU Team si evolve passando per diverse arti e sistemi
sviluppando un mezzo efficace, istintivo, pratico, adatto soprattutto alla sopravvivenza in ambiente urbano e in tutte quelle situazioni di pericolo o rischio,che fin troppe volte ci si ritrova ad affrontare nella vita di tutti i giorni. In casa,in discoteca,in auto, in strada: nessuna e’ al sicuro senza avere a disposizione gli elementi per riuscire a difendere sé stessa o chi ha accanto. Il corso si propone di sviluppare qualità come la forza, la reattività e la sicurezza in sé stesse tramite l’allenamento di tecniche dedicate.
Il corso di autodifesa che partirà a fine settembre alla Popolare propone un percorso specifico al femminile. Questa scelta è fondata sulla consapevolezza che le aggressioni da parte di uomini sulle donne avvengono in modalità molto diverse da quelle che si verificano tra uomo e uomo, o tra donna e donna; di conseguenza l’allenamento deve essere specifico, e sviluppato in base a situazioni rischiose e/o pericolose a cui altre specificità o generi non sono esposte.
In un contesto sociale desolante in cui si parla delle donne come di esseri inermi e indifesi,
inevitabilmente passivi di fronte a una violenza, si propone qui un allenamento fisico che si fonda sull’affermazione della propria potenza, e che ha come obbiettivo l’assimilazione di tecniche volte alla tutela di sé stesse e dei propri compagni e compagne in diverse e specifiche situazioni.
Ogni situazione infatti deve essere affrontata in maniera specifica, non si tratteranno esclusivamente situazioni di violenza sessuale, ma anche situazioni più o meno pesanti che ci ritroviamo ad affrontare nella nostra quotidianità in quanto donne, e anche, eventualmente, in quanto compagne attive all’interno degli spazi occupati: è importante allenarsi a gestire la rabbia verso l’elemento di disturbo in situazioni collettive. Questo corso propone un metodo per apprendere a difendersi da sole e per essere in grado di attaccare in modalità specifiche, che tengono conto dell’odio verso ogni tipo di sessismo e violenza di genere, un metodo volto a praticare la nostra alterità di pensiero, un metodo che vuole essere coerente con le lotte che portiamo avanti in quanto compagne, in quanto donne. Rifiutiamo il ruolo di vittime che la società ci cuce addosso e contemporaneamente rifiutiamo di riproporre le dinamiche di prevaricazione tipiche del machismo.
Ciò su cui lavoriamo è noi stesse e lo facciamo per noi stesse.

Siamo altro e ce lo rivendichiamo!
Lo stato ci vuole vittime, noi invece siamo in prima linea.
Il corso si svolgerà il lunedì dalle 18.00 alle 19.30 e il giovedì dalle 17.30 alle 19.00
a partire da lunedì 23 settembre.
Il 23 e il 27 settembre c’è la possibilità di sperimentare il corso gratuitamente.
Alla Popolare palestra indipendente – L.O.A. Acrobax – Via della Vasca Navale 6

                             

Posted in General | 1 Comment